Dott. Paolo Contini

Chirugia Plastica Ricostruttiva ed Estetica
Get Adobe Flash player

Carbossiterapia

Per carbossiterapia s'intende l'utilizzo dell'anidride carbonica per scopi terapeutici.

La Carbossiterapia è una trattamento che trae origine nell'ambito della medicina termale. Da fine '800 la somministrazione di anidride carbonica per via transcutanea (principalmente), mediante l'uso di bagni e di docce carbogassose, e per via sottocutanea viene praticata, presso le terme di Royat a Clermont-Ferrand (Francia) in pazienti affetti da vasculopatia periferica e malattie circolatorie. Un numero molto elevato di soggetti è stato sottoposto a questo trattamento in tale sede (superiore a 90000 pazienti) e gli studi effettuati in tale ambiente hanno mostrato un positivo effetto negli artereopatici con un aumento del tempo di marcia e nel trattamento del fenomeno di Raynaud.

Successivamente in seguito a studi condotti prima (agli inizi degli anni novanta) in ambiente clinico ed in seguito in ambito universitario, presso il reparto di Chirurgia plastica dell'Università degli studi di Siena e i cui risultati sono stati riportati in riviste nazionali, internazionali e in occasione di numerosi congressi e corsi tenutisi sia in Italia che all'estero, si è assistito ad un vero e proprio "boom" di trattamenti, visto gli ottimi risultati ottenuti nel trattamento della cellulite e delle lassita' cutanee di viso e corpo, patologie che riconoscono come momento patogenetico principale una disfunzione microcircolatoria e che hanno un'incidenza elevatissima soprattutto nella popolazione femminile.

Tecnicamente consiste nella somministrazione di anidride carbonica medicale per via sottocutanea attraverso un piccolissimo ago.
Il nostro corpo produce abitualmente CO2, quindi il trattamento è assolutamente sicuro.
La CO2 è il più potente mediatore naturale ( prodotto dal nostro corpo) che interviene nella regolazione del microcircolo, provocando sia vasodilatazione che un vero e proprio scollamento della cute dai tessuti sottostanti.
La frequenza ed il numero delle sedute ( generalmente a cadenza settimanale) dipendono dall'entita' e dal tipo di patologia da trattare.

 

Indicazioni:

Adiposità localizzata [2]
Body Contouring – come trattamento complementare alla liposuzione [3] Lipomatosi Diffusa Cosiddetta “Cellulite”.
Alopecia e calvizie
Dermatologia
Psoriasi
Striae Distensae
Lassità cutanea
Flebologia e patologie vascolari
Insufficienza Venosa
Restless Leg Sindrome
Linfedema [4]
Acrocianosis[5]
Fenomeno di Raynaud
Trattamento delle ulcere cutanee [6]
Dolori articolari

 

Bibliografia:

  • a b La Carbossiterapia, di Vincenzo Varlaro
  • Brandi C, D'Aniello C, Grimaldi L, Bosi B, Dei I, Lattarulo P, Alessandrini C. Carbon dioxide therapy in the treatment of localized adiposities: clinical study and histopathological correlations, Aesthetic Plast Surg, 2001 May-Jun;25(3):170-4
  • Brandi C, D'Aniello C, Grimaldi L, Caiazzo E, Stanghellini E. Carbon dioxide therapy: effects on skin irregularity and its use as a complement to liposuction, Aesthetic Plast Surg, 2004 Jul-Aug;28(4):222-5
  • Vincenzo Varlaro, Giovanni Manzo, Francesco Mugnaini, Carlo Bisacci, Pamela Fiorucci, Paola De Rango, Roberto Bisacci. Carboxytherapy: effects on microcirculation and its use in the treatment of severe lymphedema. A review. Riv.: "Acta Phlebologica", Vol. 8, n. 2 - August 2007, Edizioni Minerva Medica, Torino.
  • Campana M, Vaccaro M, Perello R, Rosato L, Ceccaccio L, Ciappi S, Brafa A, Calabrò M, Nisi G, Brandi C, Grimaldi L, D'Aniello C. Il ruolo della carbossiterapia nel trattamento sintomatico delle acrosindromi vascolari, Riv Ita Chir Plast, 41(3-4) 2009: 165-170.
    Brandi C, Grimaldi L, Nisi G, Brafa A, Campa A, Calabrò M, Campana M, D'Aniello C. The role of carbon dioxide therapy in the treatment of chronic wounds,In Vivo, 2010 Mar-Apr;24(2):223-6
            

Dott. Paolo Contini

 

 

 

  

- Via Nemorense 90 - 00199 ROMA - P.IVA: 11250571004

 

+39 393 9579331  - dott.continip@gmail.com